Titoli di coda in Premier League. L’ultima giornata

titoli-di-coda

Titoli di coda per la Premier League in questa calda domenica di maggio. Termina col botto quello che è considerato da molti “il più bel campionato del mondo”. Anche l’ultima giornata, come tutto il campionato, è stata incerta fino agli ultimi minuti, soprattutto per le squadre in lizza per l’ingresso alla prossima Champions League.
Diamo uno sguardo da vicino a quest’ultima giornata di Premier League.

I risultati dell’ultima giornata

L’Arsenal vince in maniera tranquilla contro il Brighton.
Decisivo il giovane attaccante Pepe che, con una doppietta, chiude in bellezza il campionato e regala ai “gunners” i tre punti.

A sorpresa l’Aston Villa, con nessun obiettivo da raggiungere in questo campionato, batte il Chelsea, in corsa per la zona Champions League.
Al 43’ i padroni di casa passano in vantaggio con Traore e trovano il raddoppio al 52’ con El Ghazi su calcio di rigore.
I “blues” accorciano le distanze con Chilwell al minuto 70, ma l’espulsione di Azpilicueta all’89’ impedisce la rimonta. Finisce 2-1.

Vittoria del Newcastle in casa del Fulham 1-2.
Al minuto 23’ Willock porta in vantaggio il Newcastle, che nella ripresa chiude la partita col rigore realizzato da Schar.

Chiude in bellezza il Leeds, battendo 3-1 il West Bromwich.
Gli uomini di Bielsa sono passati in vantaggio al minuto 17 con Rodrigo. Raddoppio che arriva sul finale di primo tempo con Philipps. Al minuto 78’ Bamford trova il 3-0 su calcio di rigore.
Gli ospiti realizzano il goal della bandiera grazie a Robson-Kanu.

Scorpacciata di goal in Leicester-Tottenham.
Passano in vantaggio i “Foxes” con Vardy dal dischetto. Siamo al 18’
Ospiti che agguanto il pareggio al 41’ con Harry Kane.
Ancora Vardy, sempre dal dischetto, porta i suoi nuovamente in vantaggio al 52’.
Ma i padroni di casa si deconcentrano e crollano sotto i colpi ospiti: prima Schmeichel compie harakiri al 76’, poi Bale trova una doppietta nel finale che stende il Leicester!

Vittoria tranquilla del Liverpool contro il Crystal Palace.
Mané porta i suoi in vantaggio al 36’ e chiude i giochi al 74’ segnando la sua seconda rete odierna.

Il Manchester City demolisce l’Everton con un perentorio 5-0.

Dopo un quarto d’ora i padroni di casa sono in vantaggio per 2-0 grazie a De Bruyne e Gabriel Jesus.
Al 36’ Sigurdsson sbaglia il calcio di rigore che poteva rimettere i suoi in partita.
Ad inizio ripresa trova la rete il giovane talentino Foden, dopodiché si scatena Aguero con una doppietta!

Termina il campionato con una vittoria anche lo Sheffield United, sconfiggendo il Burnley 1-0.
Decisiva la rete al 24’ di McGoldrick.

Il West Ham cala il tris contro il Southampton.
Alla mezz’ora Fornals trova la rete del vantaggio. Dopo soli tre minuti è ancora Fornals ad andare in gol.
Mette i titoli di coda al match Rice al minuto 86.

Il Manchester United va a vincere in casa del Wolverhampton per 1-2.
Accade tutto nel primo tempo con gli ospiti in vantaggio al 13’ con Elanga.
I “Wolves” trovano il pari al minuto 39 con Semedo.
Parità che dura poco, perché Mata sigla l’1-2 finale realizzando dal dischetto nel recupero del primo tempo.

Titoli di coda per la qualificazione alle coppe europee

Il Liverpool riesce in extremis ad agguantare la zona Champions League, riuscendo ad arrivare addirittura terzo. L’ultimo posto per l’accesso all’ex coppa dei campioni viene assegnato al Chelsea nonostante la sconfitta. Imperdonabile il tracollo del Leicester contro il Tottenham, poiché l’anno prossimo dovrà accontentarsi del 5° posto e dell’Europa League. Proprio gli “Spurs” ringraziano poiché riescono ad ottenere un posto per la Conference League, grazie alla 7° posizione. Il West Ham, che ha chiuso, si aggiudica l’ultimo posto disponibile per l’Europa League.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.