The Books’ Harmony

the-books-harmony

Chi si cela dietro la pagina Instagram “The Books’ Harmony”?

Mattia Ippolito, classe 2000, napoletano, un giovane ventenne iscritto alla facoltà di economia, è la mente che si cela dietro la pagina Instagram “The Books’ Harmony”, che dal 2019 ad oggi ha raggiunto quasi 14mila followers. Ho avuto il piacere di intervistare Mattia e ora vi porto con me per conoscerlo meglio.

Partiamo dagli albori, com’è nata la tua pagina?

Tutto è nato in un periodo delicato della mia vita, all’inizio non avevo nessuna idea precisa e ricordo che quella sera, preso dalla noia, stavo riflettendo su quanti libri avessi nella mia camera e quanti ne avessi letti nella mia vita…così ho pensato “magari mi cimento, provo a scrivere una recensione e vediamo a quante persone interesserà”. Per me era un gioco, non avevo idea che potesse diventare un progetto così importante.

Si sa, ormai il sogno di tutti è fare successo sui social, ma raggiungere numeri alti e conquistare il pubblico non è così facile e soprattutto richiede tempo. Il tuo esordio è stato difficile?

L’inizio è stato duro e molto lento, il mondo dei social è piuttosto arduo da affrontare. Vedere grandi numeri su una pagina è bello, ma l’andamento non è cosi veloce come ci si aspetta, a meno che non si tratti di un boom improvviso come nel caso dei trend e delle challenge. I miei primi mille followers li ho raggiunti dopo 3 mesi dall’apertura della pagina.

Ci sono stati momenti in cui hai pensato di abbandonare “The Books’ Harmony”?

C’è stato un momento all’inizio in cui ho pensato di chiudere la pagina perché mi accorgevo che il seguito non era elevato. I primi tempi mi occupavo solo di recensioni, non avevo nessuna scaletta e non programmavo i post come faccio ora, facevo poche stories e tutto si svolgeva in modo casuale. Con il tempo fortunatamente i numeri sono iniziati a salire, i commenti e le interazioni sono migliorati e anche il mio impegno nel curare la pagina è cresciuto.

A proposito di interazioni, “The Books’ Harmony” ha raggiunto un totale di 13,8 mila followers. In che modo mantieni vivo il loro interesse?

I commenti sotto i post mi danno conferma che le persone sono interessate a ciò che scrivo, molti mi scrivono in direct e do loro consigli sulle letture e sui film da vedere, cerco di rendermi sempre disponibile e utile. Nelle stories propongo anche sondaggi e quiz per interagire ancor di più con il mio pubblico, ma non appena si potrà viaggiare mi piacerebbe portare virtualmente i miei followers in giro e renderli partecipi delle mie esperienze. Si è instaurato un bel rapporto tra me e il mio pubblico, difatti ho da poco superato il covid e ho avuto il piacere di ricevere molti messaggi di conforto che mi hanno dato forza e calore in un momento così difficile.

Che consiglio daresti a qualcuno che non sa da dove partire e ha paura di aprire una propria pagina?

Il consiglio che mi sento di dare è di non demordere, soprattutto all’inizio, sono convinto che quando si crede in un progetto i risultati arrivino inevitabilmente, anche se a volte ci può volere tempo. Creare post originali che si distinguano per qualche dettaglio particolare, l’importante è essere trasparenti in ciò che si fa, mostrarsi così come si è nella realtà, senza assumere ruoli che non ci competono, essere genuini e sinceri è la chiave. Anche creare un network di collaborazioni è fondamentale, forse la parte più bella del mio progetto è aver scoperto tanti nuovi autori e collaborare con case editrici storiche che ho sempre stimato. “The Books’ Harmony” mi ha regalato l’occasione di conoscere colleghi di questo settore e di scambiare consigli e opinioni preziosi.

Che progetti hai per il futuro?

Il mio obiettivo è quello di crescere, mi auguro di raggiungere sempre più persone e di collaborare con tanti autori, magari anche di fama mondiale. Spero di tornare presto alla normalità, purtroppo la situazione che stiamo vivendo ha impedito la realizzazione di alcuni eventi come il Salone Internazionale del Libro di Torino, a cui spero di prendere parte il prossimo Maggio, e tante altre occasioni interessanti in cui so di poter trovare persone competenti nel mio ambito.

Che dire…il bello dei social è poter condividere le proprie passioni in modo sincero e sano. Spero che quest’intervista possa essere d’aiuto per chi non ha ancora avuto il coraggio di intraprendere un progetto.

Auguro a Mattia di raggiungere ogni suo obiettivo e vi invito a seguire “The Books’ Harmony” per rimanere sempre aggiornati sulle letture più belle.

error: Il contenuto è protetto da Copyright