Una diversa organizzazione per l’immunità generale?

draghi

Non ci sono alternative per tornare ad una vita normale

Diversa organizzazione in Germania, in generale è più attrezzata sotto il profilo sanitario e sembra procedere con molta cautela; la prudenza teutonica è aumentata, in occasione dei primi riscontri della mutazione inglese.

L’attenzione è tutta incentrata sulla minore incidenza di decessi.

In Italia i ventuno sistemi sanitari regionali non sembrano ancora all’altezza di osservare i tre principali punti dell’esistenza; salute, lavoro, economia.
In verità, senza nulla togliere alle eminenti menti dei più attrezzati studiosi, esiste un altro elemento essenziale su cui si fondano i principi prima enunciati: la famiglia.

In effetti, come erano adusi sostenere gli “antichi”, solo dall’affermazione dei valori sociali (appunto la famiglia non sfugge a tale comparto); poteva scaturire una fondamentale solidarietà di intenti. In qualunque campo.

Le insufficienze e le improvvisazioni – Diversa organizzazione o conoscenza?

Non si può pensare di produrre vaccini con estemporanee ispirazioni; i dati sono sotto gli occhi di tutti. Il crocevia è identificato per gli inizi di aprile: se si raggiungesse il numero di 350mila persone vaccinate, si potrebbe intravedere una prima soluzione.

Per ora l’evidenza sta tutta nell’organizzazione che si concretizza in una profonda diversità tra le realtà del Lazio e della Campania, rispetto al ritardo del Piemonte e della Lombardia.

Inutile sottolineare ancora la debolezza con cui abbiamo affrontato la pandemia, una diversa conoscenza – grazie a sinergie umane con maggiori cognizioni – della situazione avrebbe dato conforto all’emergenza.

Le priorità senza se e senza ma

Fermare la pandemia, pianificare l’investimento dei fondi europei, revisione del sistema fiscale, sburocratizzazione di un farraginoso sistema, il tema della giustizia.

Questi i punti focali che attendono il Governo. Draghi, intanto, sembra aver “sepolto” – con grande eleganza e disinvoltura – il predecessore. In tutte le connotazioni importanti. Se si opera non si comunica e se si comunica significa che si promulga ciò che si è fatto. Questo sembra, allo stato attuale, essere la via maestra per una diversa organizzazione.

Non sembrano esserci alternative. La sinistra è un fantasma, ma non è dato sapere di chi. La sola certezza è di un equilibrio approssimativo ed instabile. Forse neppure nell’intimo della propria identità si capisce molto.

La competenza è fondamentale; gli ex auto addetti all’apertura di scatolame – allo sbando totale e irreversibile – non potevano immaginare di continuare a imperversare e, inevitabilmente, sono ben oltre l’orlo della crisi di nervi.

Infine, per completare il quadro, l’imprescindibilità europea ha invaso e pervaso anche chi mai l’avrebbe considerato.

Nell’attuale frangente la compattezza è fondamentale, ma l’enorme aspettativa con la complicata realtà è assai complessa.

Decisioni chiare, dirimenti e razionali: ne abbiamo urgente necessità

error: Il contenuto è protetto da Copyright