Dante 700 anni dopo, Ambasciator intervista l’autore Mario De Martino

dante-700-anni-dopo

Nel settimo centenario della morte di Dante, lo scrittore napoletano Mario De Martino rende omaggio al Poeta, realizzando quella che probabilmente è la sua opera più ambiziosa.

Dante. 700 anni dopo è l’ultima fatica letteraria di Mario De Martino, giovane giornalista e scrittore napoletano, specializzato in Storia e Filologia del manoscritto e del libro antico, presso la scuola di alta formazione dell’Università Federico II di Napoli.

Nel settimo centenario della morte del Sommo Poeta – ricorda Mario De Martino – è oltremodo necessario, ripercorrere il cammino intellettuale e culturale del più grande poeta della nostra letteratura. Analizzare le caratteristiche della sua Opera, interpretarne i contenuti e coglierne le infinite sfumature”.

De Martino realizza un’opera magistrale; che unisce le ricche illustrazioni presenti nel libro al contributo di numerosi accademici e ricercatori, docenti e illustratori, narratori e artisti. Tutti, in maniera sinergica, hanno prestato il proprio tempo e la propria penna alla celebrazione di Dante.

L’opera, come racconta il suo autore, si basa su un’idea innovativa: “stimare l’eredità che il Poeta ha lasciato al mondo, nei più diversi campi della cultura antica e moderna; dalla filologia alla storia, dalle interpretazioni eterodosse alla narrativa contemporanea, dal cinema alle serie tv. Passando per la gastronomia, il fumetto, l’Arte, la parodia”.

Dante. 700 anni dopo è, dunque, un’avventura nella Storia; ricostruisce vicende tessendo insieme i fili sottili che legano verità e leggenda.

“Ciò che è stato restituito al mondo è solo una parte delle favolose ricchezze dimenticate dalla Storia; molto altro aspetta ancora di essere recuperato” – fa sapere il suo autore.

“In queste pagine – conclude De Martino – rivive la personalità umana e letteraria di Dante: riscoprirla, nel XXI secolo, è dovere dell’Occidente (e non solo)”.

Di seguito il video integrale dell’intervista realizzata dalla redazione di Ambasciator a Mario De Martino.