Brenner Souza Da Silva è un calciatore brasiliano nato il 16 gennaio del 2000 a Cuiabà, capitale dello stato del Mato Grosso

talent-scout

Il piccolo Brenner, figlio di un ex calciatore del Flamengo, viene notato dagli scout del San Paolo ad 11 anni.
Superato positivamente il provino con i paulisti, si trasferirà però solo due anni più tardi, per volontà della madre Cristiane. L’adattamento iniziale non è facile, com’è normale che sia per un 13enne allontanatosi di oltre 1300 km da casa. Poi, pian piano, il momento difficile viene superato grazie ai gol.

Brenner Souza Da Silva ne mette a segno 51 in poco più di 40 partite disputate tra under 15 ed under 17

Numeri impressionanti. Conquista la fiducia del tecnico Rogerio Ceni, che lo promuove nella rosa della prima squadra. Il 22 giugno 2017 Brenner esordisce nel Brasileirão, entrando a 14′ dalla fine della partita contro l’Athletico Paranaense. La carriera del giovane attaccante sembra in piena ascesa, ma accade che il San Paolo cambi allenatore e Brenner prima scivola in panchina e poi chiede ed ottiene un trasferimento, in prestito al la Fluminense in cerca di maggior spazio.

La situazione però non migliora alla Flu e Brenner fa rientro al San Paolo, alla fine del 2019, senza aver lasciato il segno. La svolta arriva nel 2020 segnato dalla pandemia, in particolar modo nei mesi di ottobre e novembre mette a segno 13 gol in 15 gare. Grazie al suo apporto in attacco il San Paolo disputa un Brasileirão di vertice, piazzandosi quarto e conquistando la qualificazione alla Copa Libertadores.

A questo punto sembrava scontato un approdo in Europa di Brenner ed infatti molte squadre del vecchio continente si erano fatte avanti per acquisirne le prestazioni. L’Ajax in particolare appariva in vantaggio su tutte.

Club famoso per i suoi investimenti suoi giovani: all’Amsterdam Arena, inoltre, giocano due brasiliani, David Neres e Antony Santos, ex giocatori del San Paolo che hanno scelto come prima tappa europea l’Olanda.
A febbraio arriva però l’offerta degli americani del FC Cincinnati, 18 milioni che saranno versati in un’unica soluzione.

Il San Paolo, visti i tempi che corrono e le difficoltà finanziarie, non può rifiutare e Brenner si trasferisce nella MLS dove lo attende Jaap Stam.

Brenner Souza da Silva è un attaccante rapido, dotato anche di una certa dinamicità avendo la predisposizione ad abbassarsi a prender palla e risalire il campo in velocità.

Di lui Pedro Smania, coordinatore delle squadre giovanili del San Paolo, in riferimento a questa sua peculiarità ha detto: “Brenner? È mobile e ha anche la qualità per giocare sulle fasce, può fare pure il falso 9 un po’ più indietreggiato”, alla Firmino per intenderci.

A mio parere Brenner dà il suo meglio in area di rigore, dove mostra di avere tutte le qualità del centravanti, dalla capacità di controllare la palla in spazi strettissimi a quella fondamentale di farsi largo, per ricevere e calciare in porta. A tutto ciò abbina una gamma assolutamente completa di soluzioni, dal tiro preciso e potente da fuori area, alla capacità di calciare con entrambe i piedi , fino al colpo di testa.

Se dovessi azzardare un paragone, con un grande attaccante del passato, direi che ricorda il nostro grandissimo e compianto Pablito Rossi. Ma di ciò avremo conferma, o smentita, quando sbarcherà in Europa, realizzando una cospicua plusvalenza per il Cincinnati.
Appuntamento, salvo complicazioni, al 2022.